MUSICA CONTEMPORANEA

Cantiere Creativo dedicato allo sviluppo di un linguaggio libero e innovativo in ambito musicale. I partecipanti vengono guidati attraverso una ricerca personale mirata a esaltare le doti creative di ognuno. La musica sperimentale unisce la consueta strumentazione a strumenti elettronici e contaminazioni effettistiche che esaltano la peculiare particolarità di questo genere. Il percorso formativo si concentra sull'analisi di elementi ritmico/melodici per confluire poi nella scrittura creativa e nell’improvvisazione.

DOCENTI

Emiliano D’Auria
Studia piano jazz e armonia, frequenta corsi di jazz e arrangiamento alla Saint Louis School of Music di Roma. Fonda l’Emiliano D’Auria Jazz Quartet con Gianluca Caporale, Amin Zarrinchang, Alex Paolini. Il passato da dj e la passione per la musica elettronica lo conducono al progetto Reportages Elettroacustici dello Jano Quartet. Nel 2010 esce l’album Naked Things e nel 2013 Distante, realizzato con la collaborazione di Luca Aquino, prodotto da Via Veneto Jazz e distribuito da EMI. Positive le critiche degli addetti ai lavori tra cui Musica Jazz, che lo insignisce del premio Disco del mese. Segue un’intervista dedicata, L’Unità lo menziona nella prima pagina di Cultura, JazziT lo inserisce tra i migliori dischi del 2013, Rai Radio Tre organizza un’intervista nella trasmissione Fahrenheit. Nel 2017 con Jano registra il terzo disco, The Place Between Things. Vari i concerti in Festival e jazz club e collaborazioni con artisti come Aquino, Rubino, Damiani, Rolli. Nel 2015 fonda la scuola di musica Cotton Lab che si avvale di importanti musicisti in ambito classico e moderno. È direttore artistico del Cotton Jazz Club di Ascoli.
Maurizio Rolli
Contrabbassista, bassista elettrico, arrangiatore, è uno dei musicisti italiani più conosciuti tra gli artisti d'oltreoceano. Nel 2010, grazie al suo cd Rolli’s tones è stato proclamato miglior arrangiatore italiano dell’anno dalla rivista Jazzit, risultando nelle quattro edizioni del premio, sempre tra i primi tre nella graduatoria relativa ai bassisti. Sul fronte della didattica, dopo essere stato titolare della prima cattedra di Basso elettrico presso il conservatorio Rossini di Pesaro, è docente di Basso elettrico, Contrabbasso jazz e Musica d'Insieme presso Conservatorio D'Annunzio di Pescara e Basso elettrico presso il Conservatorio di Ferrara. Collabora e ha collaborato, dal vivo e in studio, nelle diverse vesti di arrangiatore, strumentista o band leader, tra cui: Vince Mendoza, Metropole Orchestra, Columbia College Big band (Chicago), Alfredo Impullitti & Kaos Ensemble, Bruno Tommaso, Paolo Damiani & Is Ensemble, Chaka Khan, Diana Torto, Tosca, Winton Marsalis, Paolo Fresu, Marco Tamburini, Fabrizio Bosso, Bob Mintzer, Dave Liebman, Jerry Bergonzi e molti altri.
Marcello Di Leonardo
Si afferma sulla scena nazionale collaborando con i migliori jazzisti della capitale. Dal quartetto di Maria Pia De Vito con Enzo Pietropaoli e Danilo Rea (Rita Marcotulli l’anno successivo) al duraturo sodalizio con Battista Lena che lo impegna nei progetti Banda Sonora, Mille Corde e I Cosmonauti Russi con Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianni Coscia e Gabriele Mirabassi. Collabora nella realizzazione di diverse colonne sonore nei film di Francesca Archibugi e Paolo Virzì e nel 2000 diventa batterista del trio di Enrico Pieranunzi. Segue un periodo di intensa attività col quartetto di Rosario Giuliani col quale partecipa ai maggiori festival europei. Dal 2005 suona col quartetto di Stefano Di Battista col quale partecipa a diverse a trasmissioni televisive e spettacoli teatrali. Ha collaborato con alcuni tra i maggiori esponenti del jazz mondiale come e ha all’attivo oltre 40 dischi.
Bruno Censori
Inizia giovanissimo ad interessarsi di Elettronica applicata all’audio, passione che sfocia in Roland Europe dove si occupa per anni di progettazione di dispositivi musicali. La passione per tutto ciò che riguarda musica e tecnologia gli consente di diventare uno dei più richiesti fonici dell’area centro Italia. Esperto conoscitore di programmi di registrazione come Cubase, Pro tools, Logic sia in ambiente Pc che Mac, è stato docente di numerosi corsi di formazione per l’utilizzo di DAW. L’esperienza acquisita in anni di lavoro al servizio di Cotton Jazz Club e Bitches Brew lo ha portato a contatto con i più grandi artisti internazionali di musica Jazz, Fusion e Rock.
Anthony Di Furia
Diplomato in Chitarra, teoria e arrangiamento alla Percentomusica di Roma, studia Composizione al Conservatorio di Fermo e Musica e Nuove Tecnologie al Conservatorio di Pesaro con Eugenio Giordani e David Monacchi. Si laurea con il massimo dei voti. Lavora come assistente alla spazializzazione ambisonica nell'opera multimediale De Divina Proportione, come Sound Design al Teatro Mostra La fuga. Realizza un live electronics per la mostra convegno Bestiario filologico e fantastico. Prende parte alla Soundscape Meeting FKL a Firenze e partecipa con il suo progetto in Ambisonics Through the space of crying per i concerti del Linux Audio Conference 2014 - ZKM di Karlsruhe. Lavora al suo progetto in Ambisonics Oltre l'atomo umano, per una residenza site-specific a La Chambre Blanche (Quebec City). Dal 2014 lavora come Analista e Software Developer nel progetto Fragments of Extinction di David Monacchi. Spazia dalla Ricerca Sonora, Sound Design, Programmazione, Live Electronics.
Pierpaolo Marini
Autore e performer di musiche per il teatro, la danza e il video. Diplomato in Pianoforte, laureato al Dams Musica di Bologna, inizia fin da giovane a creare musiche a carattere scenico in collaborazione con ricercatori nel campo del teatro, danza e pittura contemporanei. I risultati di quelle esperienze hanno trovato sintesi in due dischi di sue composizioni (Musica d’Integrazione e Il Sole di As-Klo) distribuiti nel catalogo dell’etichetta Materiali Sonori. Tra i lavori degli ultimi anni ha creato musiche per lo spettacolo La Vita Vera Comincerà Domani (dedicato a Salvador Dalì); il cortometraggio L’Ultimo Partigiano con Flavio Bucci (regìa di Claudio Sestili) e per il documentario 50 X Vinni dedicato alla vita di Vincenzo Scarpellini. Per la Rassegna Nazionale dei Teatri Invisibili ha creato e portato in scena due suoi spettacoli teatrali, ispirati al blues e al radiodramma. Dal 2016 pubblica trimestralmente le sue musiche di teatro sul proprio sito teatrodeisuoni.altervista.org.

VEDI ANCHE

VISUAL ARTS

VEDI

PERFORMING ARTS

VEDI

CONTATTI

Per favore, inserisci il nome
Per favore, inserisci la tua mail Per favore, inserisci una mail valida
Per favore, inserisci un messaggio